Se i Dogleg sono state una delle belle sorprese di questo 2020, l’altra è sicuramente “Forever whatever” degli October Drift, giovane band inglese proveniente da Taunton, capoluogo del Somerset.

Il loro mix di alternative rock anni ’90 e post punk anni ’80 è pregevole e distante dal tanto citazionismo o ripetizione pedissequa che spesso sento in giro. In più viene sporcato e arricchito da sprazzi shoegaze, muri di chitarre e incursioni noise. Una miscela davvero incendiaria, un po’ come queste 10 tracce.

Un disco che mi ha stupito fin dal primo ascolto e, mentre girava nelle mie orecchie, cercavo di immaginarmi come potrebbero evolvere (se lo faranno) e che strada prenderanno nel futuro. Non mi sono dato una risposta ma mi è rimasta una grande curiosità e delle grandi aspettative (forse esagero?).

Volevo scegliere un video da mettere ma mi trovo in difficoltà: la band ha creato video ufficiali per 4 tracce del disco (Cinnamon girl, Losing my touchForever whatever e Oh, the silence) e sul canale Youtube vedo anche altre 6 canzoni precedenti non contenute nell’album d’esordio (sono All broken down, Whoever, Come and find me, You are, you are, Lost e Robots), erano forse su un demo o su un lavoro autoprodotto? O sono usciti solo come singoli? Sul loro sito ufficiale non v’è traccia ma leggendo qua e là il gruppo è in giro dal 2015, si sono fatti una discreta gavetta e in Inghilterra stavano tutti aspettando questo esordio coi fiocchi.

Vabbè, me la gioco facile con il pezzo che apre il disco: