Ecco il consueto post festivo di liste a caso! Non è stata proprio una grande annata, dal mio personale punto di vista ma vabbé. Come al solito ci tengo a dire che non si tratta di una classifica vera e propria ma di un riassunto sconclusionato e per nulla serio di come è andata la mia annata musicale. Ulteriori consigli sono sempre ben accetti!
Dischi che ho ascoltato più e più volte con estrema soddisfazione:
– Courtney Barnett – “Tell me how you really feel”
– Anna Calvi – “Hunter”
– The Decemberists – “I’ll be your girl”
– The Messthetics – s/t
– The Moondoggies – “A love sleeps deep”
– Moby – “Everything was beautiful, and nothing hurt”
– Stephen Malkmus – Sparkle hard”
Altri dischi del 2018 che ho ascoltato con piacere:
– Calexico – “The thread that keep us”
– Comaneci – “Rob a bank”
– Dead Meadow – “The nothing they need”
– Math And Physics Club – “Lived here before”
– Fu Manchu – “Clone of the universe”
– Mudhoney – “Digital garbage”
– RIAH – “Autumnalia”
– Tiny Moving Parts – “Swell”
– Turin Brakes – “Invisible storm”
– Yawning Man – “The revolt against tired noises”
Dischi del 2018 nemmeno male ma che per un motivo o per un altro finiscono nella categoria “un ascolto e via”:
– A Perfect Circle – “Eat the elephant”
– …A Toys Orchestra – “Lub dub”
– The Breeders – “All nerve”
– Buffalo Tom – “Quiet and peace”
– Calibro 35 – “Decade”
– Jim James – “Uniform distorsion”
– Sleep – “The sciences”
Gente che sarebbe pure entrata in classifica se avessi avuto modo di ascoltarli o ascoltarli un po’ di più rispetto a quello che ho fatto (lista che mi serve anche come promemoria per il futuro):
– Black Rebel Motorcycle Club – “Wrong creatures”
– Car Seat Headrest – “Twin fantasy (Face to Face)”
– Corrosion Of Conformity – “No cross no crown”
– Fuck – “The band”
– Glen Hansard – “Between two shores”
– Melvins – “Pinkus abortion technician”
– One Dimensional Man – “You don’t exist”
– Grant-Lee Phillips – “Widdershins”
– Jon Spencer – “Spencer sings the hits!”
– Tropical Fuck Storm – “A laughing death in meatspace”
Il gruppo che “Ma perché non l’ho ascoltato (bene) prima?” (l’ormai noto Premio Bianconiglio):
– Luna
Il disco più noisoso del 2018
– Eels – “The deconstruction”
Il disco che non ho capito se mi è piaciuto oppure no (quest’anno sono due):
– Arctic Monkeys – “Tranquility Base Hotel & Casino”
– Jack White – “Boarding house reach”
I concerti del 2018 che mi hanno entusiasmato:
– Calexico @ Alcatraz – 14/03/2018
– Calexico @ Carroponte – 15/07/2018
– Go Go Ponies @ Pork’n’Roll – 8/09/2018
Alcuni articoli/post/robe scritte che dovreste leggere (non per forza a tema musicale) perché sono davvero molto belli:
-“Chernobyl – Un giorno nella zona” di BuoniPresagi
-“La rapina di via Osoppo, 60 anni fa” di Gabriele Gargantini
-“Completamente sold out” di Rossano Lo Mele
-“Andrés Iniesta, diverso da tutti” di Emiliano Battazzi
Buon anno e che sia un 2019 pieno di grandi canzoni!

Annunci