Ovviamente esclusi i Crystal Fairy di cui ho già parlato e che sono da me i più attesi!
Gli altri sono:
*Jens Lekman – “Life will see you now”: anticipato dal singolo What’s the pefume that you wear ecco il quarto album (o quinto se si considera anche la raccolta “Oh you’re so silent Jens”) del cantautore svedese nonché il primo di questa lista visto che sarà datato 17 febbraio.
*Paolo Benvegnù – “3H+”: il titolo è davvero pessimo e starebbe a significare che è la terza parte di una trilogia iniziata con “Hermann” e continuata poi con “Earth Hotel”, una sorta di (cito il sito Woodworm) viaggio a tre tappe all’interno dell’anima. Uscirà il 3 marzo e ha come tema portante (cito dal sito di Paolone) alla perdita, all’abbandono e alla rinascita, un’antologia di visioni, dove la grazia, la molecola alla base della vita, riempie gli spazi tra le emozioni, conservando la memoria di quello che siamo stati e quello che saremo, ma non ho ancora capito chi sono i musicisti che vi hanno partecipato.
*Why? – “Moh lhean”: torna il progetto experimental hip hop alternative pop indie (e altre etichette a vostra scelta) di Yoni Wolf, anche questo esce il 3 marzo e anche questo ha un titolo che… boh, nemmeno l’ho capito stavolta. Non ho nemmeno sentito il disco precedente del 2012 (manco sapevo che fosse uscito) però un’ascoltata gliela darò in ogni caso anche per riconoscenza ad un capolavoro come “Alopecia”. Vediamo che tirano fuori, intanto il primo singolo è This ole king.
*The Jesus & Mary Chain – “Damage and joy”: il 24 marzo ecco il ritorno atteso dopo quasi vent’anni. Il primo singolo è Amputation ed è bello.
*Spiral Stairs – “Doris and the duggers”: anche il secondo lavoro solista di Scott Kannberg esce il 24 marzo. Il disco è inciso con Justin Peroff (Broken Social Scene) e Matt Harris, ma ci sono ospitate di Kevin Drew (anche lui BSC), Matt Berninger (The National), Kelley Stoltz e Jason Lytle (Grandaddy). Proprio la collaborazione con quest’ultimo è contenuta nel primo singolo intitolato Dance (Cry wolf), embeddato qui sotto.
*Pontiak – “Dialectic of ignorance”: terzo disco di questo post che esce il 24 marzo, niente partenze intelligenti! In ogni caso è il settimo per i fratelli Carney e sono piuttosto curioso.
*Guided By Voices – “August by cake”: la cosa interessante di questo disco degli inossidabili GBV in uscita il 7 aprile è il traguardo dei 100 album fatti da Robert Pollard nella sua carriera, congratulazioni!
*BNQT – “Volume 1”: esordio datato 28 aprile per un supergruppo formato da Eric Pulido, McKenzie Smith, Joey McClellan e Jesse Chandler (tutti e 4 dei Midlake), Ben Bridwell (Band of Horses), Alex Kapranos (Franz Ferdinand), Jason Lytle (Grandaddy) e Fran Healy (Travis). E la madonna! direbbe Renato Pozzetto. Il primo singolo è Restart e non appaga per nulla le aspettative anche se è comunque un pezzo carino. Vedremo che ne esce fuori.

Annunci