Chissà come dev’erre stato essere un giovane punk a Stoccolma nel 1982. Ce lo racconta il regista Lukas Moodysson in “We are the best!” (2013), la storia di Bobo e Klara, due ragazzine tredicenni svedesi che si uniscono alla altrettanto emarginata Hedvig (sebbene per altri motivi e con un background estremamente diverso, fatto di musica cristiana e ballate da chiesa ma compensa tutto con una tecnica chitarristica invidiabile) per formare una band punk, in risposta alle tante pressioni che quotidianamente ricevono (a scuola, a casa, dai ragazzi più grandi, dalle delusioni d’amore) e, perché no, per dedicarsi a quello che amano di più.
Un film molto autentico, senza troppi voli di fantasia, con situazioni e dialoghi realistici, che parla benissimo di musica e amicizia.

Annunci