Una seconda colazione a Lindau. Il traffico bavarese. Mêlée esiste davvero! Luoghi sperduti in cui giovani tedesche non sanno una parola di inglese. Goslar e la Bismark baguette (aringhe e cipolla, yum!). Lubecca, bellissima e accogliente. Pomerania senza volpini (saranno stati tutti nel parlamento di Schwerin). Stralsund: ma siamo in Germania o in Svezia? Il popolo germanico non è capace di mettere le indicazioni stradali come si deve. L’isola di Rugen è più grande del previsto. Stare a nord e vertigini. Spiagge di tempi andati. La meravigliosa e incredibilmente emozionante machine from hell. Dresda spacca! E anche il parco Alaunplatz (con il suoi sport medievale per mazzularsi con armi gonfiabili?) e la cena da Lila Sosse. Il Walhalla sotto la pioggia e un pranzo sovrabbondante. I tedeschi non hanno voglia di lavorare, è palese. Il lago per i ricchi di Monaco e le cameriere con le grazie in bella mostra. Tedeschi che anche se sanno che non capisci la loro lingua continuano a parlarti così, ma sorridendo. Zuppa di pesce e vino bianco.

Annunci