Al polo opposto di Glen Hansard (vedi post precedente) c’è Damien Jurado: l’esibizione di ieri (sempre al Carroponte) è stata davvero buona tecnicamente ma non coinvolgente. Insomma bravo ma freddo e distante. Non dico che uno deve per forza essere un intrattenitore o fare il simaticone sul palco, ma da un live mi aspetto qualcosa di più, cerco una serie di sensazioni che mi facciano capire che quel momento, quel luogo, quello che vedo e quello che sto ascoltando sono un insieme di sensazioni importanti, speciali e uniche, che mi facciano dire “Ma che bello essere qui”. Ieri invece decisamente meno.

Annunci