*Arnoux – “Mandalas”: tre pezzi di elettronica ambient che si spingono verso il minimalismo spinto. Mi piaceva molto di più prima però.
*Nick Cave & The Bad Seeds – “Skeleton tree”: non mi aspettavo un disco così presto ma a quanto pare i primi lavori dell’album risalgono addirittura alla seconda metà del 2014. Il disco uscirà il 9 settembre e verrà anticipato dal film “One More Time With Feeling”, che uscirà al cinema il giorno prima. Sono curiosissimo.
*Don Turbolento: il duo bresciano ha deciso di passare alla lingua italiana con due brani intitolati Non solo cellule (hm, carino) e Sotto l’incenso (meno carino). Per ora non c’è ancora un seguito a “Poli voks” uscito l’anno scorso, sempre che io abbia capito bene eh, non è che il loro sito aiuti molto. A tal proposito bisognerà mettersi un promemoria e fare prima o poi un bel post sui siti dei gruppi fatti male e  inutili che non aiutano chi ci va in cerca delle info basilari e importanti (news aggiornate, discografia fatta bene con i dettagli e i pezzi, ecc. ecc.) come se non volessero dirti nulla o sia obbligatorio fare fatica a tutti i costi (oh, eppure siamo nel 2016 eh, vi interessa che la gente vi segua o no?) che se va bene c’è wikipedia, discogs o rateyourmusic per i gruppi un po’ più grossi altrimenti ciao.
*Library Tapes – “Escapism”: da loro si sa già cosa aspettarsi ma quello che fanno è sempre eccellente. Ascoltatevi tutto il disco nuovo (uscito a febbraio) sul loro bandcamp, dura meno di mezz’ora!
*Sigur Ros: anche per loro nessun disco all’orizzonte ma solo un nuovo pezzo, Óveður, in attesa di vederli dal vivo tra un paio di settimane.
*Sonic Youth – “Spinhead sessions”: si tratta di 40 minuti di registrazioni strumentali e rumorose fatte nel 1986. Probabilmente le rate del college di Coco iniziano a costare (cit.).

Annunci