Due dischi due!
Ex Hex – “Rips” (2014): un disco divertente, da ascoltare senza patemi. Non c’è da cercarci dentro grandi cose, non ci sono pretese. Solo il divertimento di passare mezz’ora in allegria con Mary Timony e compagne di avventura. Un pregio, un limite, un sorriso e basta. Pezzo preferito: sicuramente il singolo Hot and cold.
Le Butcherettes – “Cry is for the flies” (2014): non mi aspettavo grandi cose dopo il piacevole “Sin sin sin” del 2011, invece Teri Gender Bender tira fuori un disco più oscuro e meno punk/rock. Non immediato, non trascinante. I pezzi più accessibili sono nella seconda parte, nella prima invece il mood è più dark (se si può associare un termine del genere a loro). Un po’ ambizioso ma il problema è che purtroppo non si tratta di un disco a fuoco.

Annunci