I R.e.m. hanno fatto uscire una raccolta che unisce il loro Mtv Unplugged di aprile 1991 e quello di maggio 2001: un totale di 33 brani (17 + 16) che presentano nel loro complesso alcune particolarità. Sì, perché se il primo unplugged è sostanzialmente la classica (ma fatta bene) esibizione in acustico di una raccolta di canzoni che si apre con Half a world away, quello del 2001 è molto più particolare perché potrebbe essere definito tranquillamente “l’unplugged più triste del mondo”. Tutti i pezzi hanno una piega che se va bene è estremamente malinconica, se va male l’arrangiamento e il cantato virano verso la pura disperazione. Anche canzoni solitamente positive o briose come Imitation of life, Electrolite, o The one I love risentono di questo trattamento, questa colorazione diversa e sinceramente non posso non credere che sia una cosa fortemente voluta. È un lavoro bellissimo e con un’atmosfera unica nell’ambito di tutti gli unplugged ma non così semplice all’ascolto per la botta umorale che si riceve (non è triste, è più tr-tr-tr-TRISTE -cit-). Diciamo che è da ascoltare con moderazione e con la lacrimuccia che scende.
E la chiusura con Sad professor la dice lunga.

Annunci