Bell’articolo di Tim Karan su Av Club su quel capolavoro che è “Jar of flies” degli Alice In Chains, scritto e registrato in soli 10 giorni. Un Ep di 7 canzoni, fulminanti. Avevo 16 anni quando ho ascoltato I stay away per la prima volta ma non mostrai particolare apprezzamento. Poi l’ascolto di tutto il disco cambiò le cose (e anche il giudizio su quella canzone). Sono rimasto affascinato e conquistato dall’incredibile accoppiata Rotten apple + Nutshell.
Tim Karan racconta brevemente la storia della band fino an quel momento, più metal che rock, cacciata nel calderone grunge per la provenienza. E poi racconta la genesi del disco, fatta di improvvisazioni e di registrazioni veloci. Uno dei casi di massima qualità con minima spesa. Dopotutto quando c’è il talento le cose vanno in modo diverso dal solito.

Annunci