Si inizia l’anno con un post sul 2013. Ma non su un argomento qualunque.
Il blog di Kexp ha pubblicato un post con il meglio della musica islandese dell’anno testé conclusosi. Alcune cose a me molto note (Emiliana Torrini, Sigur Ros), altre conosciute (Mum, Oyama, Lay Low, Sin Fang, Tilbury, Olafur Arnalds) e qualche chicca. La mia attenzione va tutta a:
* Mammut (con l’accento sulla u, ma non quello che c’è sulla tastiera): non li scopro oggi ma li ho sempre ascoltati poco o niente. Chissà perché. Mi sembra il momento di ricredermi e di mettere i loro dischi nella lista della roba da comprare da 12 Tonar nel prossimo viaggio islandese. Intanto anche questa Sal (dal disco “Komdu til mín svarta systir”) spacca.
* Vok (con l’umlaut dell’heavy metal sulla o): una band giovane che ha debuttato con un Ep intitolato “Tension”. Non so altro, per adesso, ma la canzone proposta (Ég bíð þín) mi ha conquistato.
* Lay Low (senza accenti o robe strane): è brava e Gently è tra le sue migliori. C’è anche da dire che ho solo “Farewell good night’s  sleep” del 2008 e questo “Talking about the weather” mi stuzzica assai.

Annunci