Tempeste di fine agosto.

Diciamolo: La Tempesta Dischi ha un rooster di tutto rispetto. Infatti la serata autocelebrativa dell’altra sera, intitolata appunto “Tutta la tempesta”, presentava da sola un programma più interessante dell’ultimo triste MiAmi. Tanti gruppi, purtroppo poco tempo per ciascuno. Sono riuscito ad assistere come si deve a:

* Tre Allegri Ragazzi Morti: non mi sono mai piaciuti molto e ho l’ennesima conferma (anche se non serviva) che Toffolo canta maluccio. Premio simpatia però al nuovo chitarrista e al suo cappello peluscioso a forma di topo (era un topo, vero?).

Aneddoto 1 – Frase di una ragazzina accanto a me rivolta all’amico/ragazzo anche lui giovane: “Aaaaah, guarda le maschere. Magari loro c’entrano qualcosa con i fumetti!”. Per la serie: nemmeno le basi.

* Uochi Toki: in formissima e più tamarri del solito. Fanno un figurone ma non mi stupisco: si sa che spaccano. I migliori della serata.

Aneddoto 2 – Finisce una loro base e nel breve periodo di silenzio arriva dall’altro palco la voce di uno che canta con lirismo (era Moltheni – ndFe).

Napo: “Ma chi suona in contemporanea con noi?”

Rico: “Un cantante neomelodico napoletano”

Aneddoto 3 – Sul finale, nel mentre il pubblico grida le solite richieste sui pezzi da fare, si ode distintamente quella di un tipo che grida “La undiciiiii”. Puro genio.

* Le Luci Della Centrale Elettrica: diciamolo subito, la maledizione del Bell’uomo ha funzionato solo in parte: stavolta la rogna è arrivata ma solo sotto forma di pioggia e non ha impedito agli astanti di assistere all’esibizione. Esibizione che non è stata all’altezza: usando il gergo calcistico si può dire che Brondi & Canali hanno sbagliato a preparare la partita. Nella mezz’ora a disposizione decidono di fare una canzone a testa (ma senza esaltare, anzi) poi, dopo un pezzo cantato dal VB (per inciso: mai sentito ma brutto), si accorgono di avere finito il tempo, farfugliano qualcosa del tipo “Abbiamo sbagliato a preparare la scaletta” ed escono di scena con le pive nel sacco.

Aneddoto 4 – Dopo il millesimo effetto usato dal Brondi, il BU se ne esce con “Ma gli hanno regalato gli effetti a Natale?”.

Annunci