Daydream nation.

A volte ci sono storie che di per sé non sono eclatanti, ma ti mettono talmente di buon umore che bisogna raccontarle. È semplicemente successo che:

– un ragazzo olandese compra su ebay una chitarra (per la precisione una Fender Mustang)

– poco dopo scopre che è una delle chitarre rubate ai Sonic Youth nel 1999. In particolare era uno strumento di Lee Ranaldo. Lo scopre a caso, guardando il sito del gruppo. Lo scopre presto, talmente presto che la chitarra non gli è ancora arrivata (e nemmeno adesso nel momento in cui scrivo il post)

– allora agitatissimo apre un thread su un forum chiedendo consigli su cosa fare: in tante pagine ci sono idee, entusiasmo, divertimento, passione, elettricità. È bellissimo leggerle, davvero. Mi ha messo un’allegria che non potete immaginare, mi è sembrato quasi di vivere in un mondo migliore.

– decide di contattare il gruppo per restituire la chitarra: Lee si dimostra interessato a ritornare in possesso del “cimelio” sottrattogli da dei fottuti bastardi dieci anni prima.

– per coincidenza i sonici suonano a poca distanza (Lussemburgo) e lui viene invitato al concerto. Ma la chitarra è bloccata alla dogana per lungaggini burocratiche.

– lui va al concerto (gratis), parla con il gruppo e con il tecnico della strumentazione con cui era entrato in contatto per la faccenda della chitarra. Mr. Ranaldo gli ripagherà la chitarra una volta riavuta. Nel mentre gli regala un po’ di merchandise, un ponte Mastery Bridge e soprattutto il nostro eroe entrerà gratis a qualsiasi concerto della band futuro, sarà messo in lista dovunque. Yeah.

Aspettiamo che la faccenda si concluda definitivamente, intanto siamo a pagina 40 del forum, io continuerò a seguire la bella favola.

Per finire:

– ecco l’accorato appello che Lee scrisse dopo quel sciagurato furto ai danni del gruppo. Tutta la strumentazione venne rubata, immaginatevi il danno sia a livello economico, ma soprattutto di suono (strumenti e effetti modificati, adattati, sistemati nel corso degli anni), per non dire i danni affettivi e psicologici. Una perdita davvero incalcolabile.

– una piccola curiosità: di quella strumentazione sono state ritrovare (con quest’ultima) tre chitarre, tutte di Lee Ranaldo. Gli altri rimangono a bocca asciutta. E gli altri strumenti, dove saranno? In mano di gente che sa cosa sta maneggiando oppure no?

– ora tutti in attesa di “The eternal”, uscirà il 9 giugno per Matador Records. Sbav.

Annunci