Liste di fine anno – parte 1

Ho deciso, non farò una vera e propria classifica di fine anno. Questa scelta è dettata principalmente dal fatto che ho ascoltato meno dischi nuovi di quello che avrei voluto e alcuni sono ancora nella mia lista d’acquisto. Comunque se me lo lasciate dire, il 2008 musicale  non è stato proprio granché eh!?

Ma visto che si parla delle classifiche di fine anno, mi tolgo qualche sasso. Ne ho lette tante, qui potete vedere una sorta di riassunto di quelle dei giornalisti ufficiali. Me ho letto anche quelle di tanti blogger e mi chiedo:

– visto che quasi tutti hanno messo le stesse cose, ciò è dovuto al fatto che tutti ascoltano quelle stesse cose oppure il motivo è da ritrovarsi nel fatto che quei dischi meritano davvero?

– come mai tanti (quasi tutti) mettono un disco come quello dei Last Shadow Puppets e pochi (quasi nessuno) quello di Paolo Benvegnù. Ahahahah, mi faccio due risate (amare) vista anche l’esibizione in duo del Maestro ieri sera accompagnato dal fido (applausi) Guglielmo Ridolfo Galliano, un concerto che mette in riga tutti. La vorrei proprio vedere la scimmietta artica a fare una roba del genere.

– a proposito: è il caso di dire che tra i 10 (o 20 o quel che è) dischi dell’anno ci devono stare (sparo nel mucchio) Cat Claws, Crystal Castles, Glasvegas, MGMT, Zen Circus (& many others)? Riprendetevi e smettetela di fare gli indie fighetti a tutti i costi.

Ok, mi sono sfogato. So che questi discorsi potrebbero venir fatti ogni anno riguardo ad ogni classifica (mie comprese, anche se non mi è mai piaciuto farle), però cribbio.

Quindi, il prossimo mio post NON sarà una famigerata classifica di fine anno, ma solo alcune cose che mi sono particolarmente piaciute senza supposta garanzia di qualità o presunzione di posizioni.

Stay tuned.

Annunci