I milanesi rompono le balle (e non solo il sabato)

Esco di casa e piove a dirotto.

(cosa ci vado a fare?)

Trovo coda al parcheggio.

(cosa ci sto andando a fare?)

Trovo coda alla casa accrediti (grazie ancora Cree).

(cosa ci sto andando a fare?)

Trovo coda per entrare.

(cosa ci sono venuto a fare?)

Vedo gentaglia.

(cosa ci sono venuto a fare?)

Per fortuna incontro anche gente di tutt’altro livello.

Poi inizia il SOLITO concerto degli Afterhours.

(cosa ci sono venuto a fare?)

Fe: Ma John Parish si sarà studiato le canzoni o suona a caso?

Bli: Visto il volume minimo della sua chitarra suona a caso.

(cosa ci sarà venuto a fare lui?)

Bli: Hai notato che nel ritornello di Riprendere Berlino puoi cantare perfettamente Le tagliatelle di nonna Pina?

Fe: Oddio è vero. Sarà una citazione nascosta.

(cosa ci siamo venuti a fare, eh Bli?)

Bli: Posso dire che non sopporto Ciffo?

Fe: Posso dire che non sopporto il continuo singalong?

(ripeto: cosa ci siamo venuti a fare, eh Bli?)

Bli: ??? (sostituire i punti di domanda col titolo corretto del brano che non so e non ho voglia dicercarlo) è il pezzo che per ora mi ha convinto di più.

Fe: Son d’accordo, anche se quando è partito pensavo fosse un arrangiamento leggermente diverso di Ossigeno.

(ma cosa ci sto qua a fare ancora?)

Agnelli fa una dedica a Materazzi, e indossa la maglietta di quella squadra degli scudetti di cartone.

Ciao Manuel.

Ciao eh.

Che noia.

Annunci