Live! Tonight! Sold out!

Settimana piena di concerti, la scorsa. Ecco chi ho visto dal vivo ed ecco come è andata:

* The Niro: poche anime a vedere il cantautore romano (un centinaio o poco più). Lui rimane bravo e la band lo segue bene. Alcune canzoni molto belle, altre un po’ meno ma dopotutto che ci lamentiamo? Dal vivo è sicuramente meglio che su disco. Consigliato ancora una volta.

* The Gutter Twins: la strana coppia, Greg ‘Jack Lemmon’ Dulli (sigaretta e continuo dialogo col pubblico) e Mark ‘Walter Matthau’ Lanegan (solita posa mano sinistra sul microfono mano destra sull’asta, ciondolamento e nessuna parola se non quelle cantate). Si sente male, ma male eh, tutti gli strumenti, però le voci no, quindi c’è da godere ogni volta che Lanegan apre bocca. Bis impreziositi da alcune “canzoncine” quali Shadow of the season (Screaming Trees), Hit the city e Metamphetamine blues (Mark Lanegan solista), Butterfly (The Afghan Whigs) e la prima strofa di Voglio una pelle splendida (Afterhours). Ah Ah.

* Trabant: danzerecci e divertenti. Una piccola sopresa per me che era la prima volta che riuscivo a vedermeli dal vivo. Bravi!

* Detroit7: trio garage giapponese (Tokyo, per l’esattezza) di culto, canzoni tirate, grezze, con distorsioni acide e con tantissimi alti. Tanta quantità, tanta potenza, non male la cantante/chitarrista mancina (in senso musicale, intendo).

Annunci