Paure inconfessabili e desideri malcelati.

Se avessi ascoltato prima “Afraid to dance” dei Port-Royal (prodotto dall’etichetta inglese Resonant, insomma non proprio l’ultima arrivata), quasi sicuramente lo avrei inserito nei migliori dischi del 2007. Perché questi ragazzi genovesi che suonano più all’estero che in Italia (storia già sentita e qualcosa vorrà pur dire…) sono fenomenali e riescono a fondere il post rock con l’elettronica e l’ambient. Ma è sbagliato parlare di definizioni, è meglio concentrarsi sulle evocazioni, sulle emozioni, e sono davvero tante.

E ancora non ho avuto tempo di ascoltare il loro primo lavoro, “Flares”, che gentilmente mettono a disposizione per il download totale e gratuito dal loro sito (e sempre sullo stesso potete ascoltarvi “Afraid to dance” in streaming). È bello scoprire musicisti del genere proprio dietro casa.

Ho paura di ballare, meno di sognare con eleganza.

Annunci