Bere un gin tonic come fosse una bella storia?!

I festeggiamenti sono importanti. Non nel festeggiamento in sé ma quanto nell’idea di farlo. Una serata tra amici a fare quello che più mi piace è la cosa ideale quindi.

Passare il viaggio in macchina a cantare a squarciagola con la Juny tutte le canzone dell’ultimo vero disco punk di rivolta italiano (dopo anni e anni e anni mi riscopro capace di ricordarlo tutto a memoria).

Entrare al Jail di Legnano che ancora non c’è quasi nessuno e accomodarsi sui divanetti zebrati. Poi sorseggiare un vodkalemon parlando di mille cose contemporaneamente.

Ascoltare i Don Turbolento che dal vivo dimostrano di spaccare, nonostante la voce assente di Giovanni. Restare ipnotizzati dalla bravura di Dario alla batteria (e alla voce). Dire all’amica F “Questa te la ricordi? Era nella mia compilation estiva che ascoltavamo in Portogallo?” mentre parte Spend the night on the floor. Precipitarsi a comprare l’ ep appena finisce il purtroppo breve concerto e a far loro i complimenti.

Avere la soddisfazione di sentirsi dire dagli amici “Avevi ragione, meritano, sono troppo bravi”.

E per tutto questo, tornare a casa felice.

Annunci