Pà Parà Parappappappà?

I My Awesome Mixtape oramai li conoscono un po’ quasi tutti. Almeno di nome, visto che è girato in tantissimi blog e fanzine e webzine e giornali di musica.

Sei giovani, molto giovani, che fanno un indie electropop. Carino, canzoni carine, alcune belle, altre meno. La sensazione che si ha durante il loro concerto di ieri alla Casa 139 è di incompiutezza. Sono bravini e si spera che in futuro facciano di meglio. Anche il disco “My lonely and sad Waterloo” è carino e dà la stessa sensazione.

Perché alla fine suonano bene, qualche accanimento di troppo su scie che seguono e riseguono però dai si salvano.

Certo la voce del sosia bolognese di Giovanni Allevi nei primi tre pezzi la giudichi adatta poi ti stanchi, ma che sarà mai. Idem per i papparà i lalalà e gli handclapping.

Certo se la versione senza valigetta di Simone Cristicchi la smettesse di dire cose imbarazzanti (nel senso pietoso del  termine) tra un pezzo e l’altro, e di dire “Bella lì” e di fare quello giovane che fa quello meno giovane che se la tira per essere supergiovane sarebbe un sollievo ma ci si passa su.

Se anche loro evitassero di fare la manfrina di uscire e rientrare nessuno si lamenterebbe, anzi.

Però.

Cribbio.

Vedere al loro banchetto che vendono una spilla di stoffa a forma di cuore a 3 euro, come il merchandising rapace di una rockstar rapace ti fa alzare il braccio verso l’altro, di scatto, come a dire mavaff…

Annunci