Aurrrrgh!

Ebbene ho ascoltato “Era vulgaris”, ultimo disco dei Qotsa.

Com’è?

Beh, utilizzando una frase in linguaggio strettamente tecnico del gergo giornalistico, direi che fa cagarissimo.

Per un’analisi più approfondita c’è questa.

Annunci