I giovani d’oggi mi scatarrano su (e allora un bel cazzotto, và)

Lo sapete tutti e la notizia è stravecchia (24 febbraio): Manuel Agnelli è stato coinvolto al Fillmore di Cortemaggiore (Piacenza) in una rissa con alcuni suoi (pseudo)fan, rei di aver disturbato per tutto il concerto prima con grida,. sfottò e insulti, poi con sputi (e oggetti sul palco, pare). In un primo momento mi son detto “sebbene i fan degli Afterhours siano per la maggior parte insopportabili (un gentile eufemismo, ma citando la stessa band avrei potuto chiamarli “giovani coglioni”), forse il Manuel nazionale ha esagerato, insomma magari invece che un paio di ceffoni poteva usare il metodo Montessori per educare quei ragazzini”. Poi, venendo a conoscenza di ciò che i cosiddetti fans hanno dichiarato per giustificare il proprio gesto (del tipo “non avevano avvisato che si trattava di un tour in cui i pezzi venivano fatti in inglese” e “non è stato giusto che non ci sia stato permesso di cantare in coro le canzoni”), allora non posso che sottoscrivere in pieno il primo commento di questo post: “Ho la certezza quasi matematica che non gliene abbia date abbastanza”. Forse era necessario riportare di nuovo la notizia per chedersi: ma dov’è finita la libertà artistica?

Annunci